< Sitchin nella Piemme Bestseller introdotto dalle mie parole? di Luca Scantamburlo

ine_sx2.gifLa copertina dell'edizione italiana del saggio Divine Encounters - © Z. Sitchin - Ediz. Piemme, 2007

La copertina dell'edizione italiana del saggio 
Divine Encounters
 © Z. Sitchin - Ediz. Piemme, 2007

.
ine_sx2.gif
Zecharia Sitchin, storico orientalista di origine russa che vive e lavora a New York
Una foto dell'orientalista e sumerologo Zecharia Sitchin


line_sx2.gif




IN LIBRERIA LA BIBBIA DEGLI DEI
DI ZECHARIA SITCHIN




di Luca Scantamburlo



Con alcune settimane di anticipo rispetto alla data prevista dal sito dell'editore italiano (il Febbraio 2007), da pochi giorni è in libreria il "nuovo" saggio [1] di Zecharia Sitchin, noto orientalista russo residente a New York. Tuttavia il volume, edito sempre per i tipi della Piemme, non è il tanto atteso The End of Days: Armageddon and Prophecies of the Return, che lo scorso 11 Novembre 2006 lo studioso ha presentato in anteprima mondiale alla  Columbia University di New York City; fra l'altro la presentazione avuta luogo mesi fa negli Stati Uniti è stata una giornata di festa in quanto ricorreva il trentesimo anniversario della pubblicazione del primo testo del noto sumerologo russo, un libro bestseller in tutto il mondo ed oramai tradotto in 23 lingue: The 12th Planet, dato alle stampe negli USA a partire dall'autunno 1976 ed edito in Italia dalla Piemme con il titolo Il pianeta degli dei.
  Auguriamoci pertanto che le Edizioni Piemme Spa di Casale Monferrato pubblichino presto in italiano l'ultima fatica del saggista adottato dagli States; anche perché il titolo in inglese mi pare pregnante ed in "risonanza", se mi si concede il termine, con la sempre più critica situazione del Medio Oriente.

  Diamo ora un'occhiata da più vicino al saggio La Bibbia degli Dei: si tratta della traduzione del testo Divine Encounters, uscito negli USA nel 1995 (e riedito nel 2002). 415 pagine suddivise in 13 capitoli chiusi da una capitolo finale, a sé: "Conclusione. Dio, l'extraterrestre." Leggiamo alcuni commenti dalla quarta di copertina del testo italiano:

<<Entusiasmante, credibile. Estremamente provocatorio e avvincente.>>

Library Journal.


<<Come un detective instancabile, Sitchin indaga a fondo sulle origini più remote dell'uomo.>>


Kirkus Reviews.

  Innanzi tutto segnalo la bella copertina che riproduce un dipinto di Hieronymus Bosch (Visioni dall'aldilà: il Paradiso terrestre e l'ascesa all'Empireo, Palazzo Ducale, Venezia) e le note biografiche di Sitchin stampate sul risvolto di copertina: "È nato a Baku, in Azerbaijan, e vive negli Stati Uniti."
  Tali note confermano quanto già affermato in una pagina Web della Macro:

  <<Zecharia Sitchin è nato a Bacu in Russia ed ha vissuto in Palestina, dove ha studiato la Bibbia ebraica scritta in ebraico antico. Ha inoltre studiato l'archeologia del Medio Oriente, prima di trasferirsi definitivamente negli Stati Uniti>>.

fonte: www.macrolibrarsi.it/_zecharia_sitchin.php.

  Anche Jon Jonathan, Associate Editor, aveva in passato scritto a proposito della vita del celebre storico di origine russa:

<<Zecharia Sitchin was born in Baku, Russia and raised in pre-State Israel, where he studied the Jewish Bible in its original Hebrew and learned firsthand the history and archeology of the Near East. In his books he translates Sumerian texts so as to highlight the similarities between ancient religious myths and modern day accounts of UFOs. Sitchin is a former assistant municipal clerk in Tel Aviv and served in the British Army in Palestine during World War II. He immigrated from Israel to the United States in the mid-1950's and worked in the field of conflict mediation for many years.>>

fonte: <<Who Is Zecharia Sitchin?>>, by Jon Jonathan, Associate Editor

www.fortunecity.com/roswell/blavatsky/370/sitchin.htm 

  Di Sitchin non si conosce però con certezza la data di nascita e nel corso dell'intervista che il sumerologo mi concesse l'estate scorsa, per le pagine del bimestrale UFO Notiziario, non volli chiederla perché sinceramente non mi sembrava un dato significativo nel contesto del nostro dialogo. Per riparare a questa mia scelta riporto così ora alcuni riferimenti reperiti in Rete per i quali, tuttavia, non posso garantire l'attendibilità: "Zecharia Sitchin (ur. 1920 lub 1921 roku w Baku)

fonte: pl.wikipedia.org/wiki/Zecharia_Sitchin.

  Per dovere di cronaca ricordo inoltre il titolo accademico conseguito da Sitchin: in Storia Economica, a Londra, presso la London School of Economics and Political Science.

  Consiglio a tutti di acquistare questo prezioso libro (La Bibbia degli Dei) il quale, insieme ai precedenti, coniuga con rara intelligenza e sapienza le tesi dell'evoluzionismo e del creazionismo. Le tesi discusse da Sitchin nei suoi saggi, oltre ad argomentare il fenomeno UFO dimostrando che esso non è una prerogativa soltanto dei tempi moderni, non mettono in discussione la storia di Cristo né pongono in dubbio l'esistenza di un Creatore di tutte le cose. Lo testimonia il fatto che a Bellaria nell'anno 2000, in occasione di un congresso, lo stesso Sitchin ed il noto teologo Monsignor Corrado Balducci ebbero  un fecondo scambio di vedute su questioni storiche e teologiche, raggiungendo diversi punti d'incontro.

  Le tesi di Sitchin fanno luce sull'antica storia dell'umanità e soprattutto delle genti mesopotamiche, oltre che sulla storia ebraica raccontata nelle Sacre Scritture dell'Antico Testamento; il tutto facendo leva sugli illuminanti studi antropologici, filologici ed archeologici che Sitchin ha condotto nelle ultime decadi con passione e competenza, essendo egli un profondo conoscitore della storia del Medio Oriente, delle lingue semitiche e della scrittura cuneiforme dei Sumeri. Per chi invece non avesse il tempo e la pazienza di dedicarsi alla lettura completa di un intero saggio, e volesse conoscere comunque il punto di vista di Sitchin soprattutto in merito alla vexata quaestio del cosiddetto "Pianeta X" (il dio-pianeta Nibiru adorato dagli antichi Sumeri), consiglio di leggere la già menzionata intervista concessa al pubblico italiano e pubblicata dal periodico UFO Notiziario, nr.64. pag.28-36, Agosto-Settembre 2006.


© L. Scantamburlo
17 gennaio 2008



AGGIORNAMENTO
[1] Un attento lettore del mio articolo, tale F.C., mi ha gentilmente scritto facendomi osservare che il libro di Sitchin appena edito dalla Piemme è la riedizione del saggio Divine Encounters, già tradotto nel 1997 con il titolo: Dio, angeli, extraterrestri ed esseri multidimensionali e pubblicato dal Gruppo Futura-Jackson Libri; fra l'altro anche Genesis Revisited (per la Piemme il titolo è L'altra Genesi) aveva già conosciuto un edizione italiana a metà degli anni '90: Zecharia Sitchin, Genesis Revisited, Avon Book, New York, 1990, tr. it. Giulia Amici, La Genesi, Gruppo-Futura Jackson Libri, Bresso (MI), 1995.
  Mi scuso con i lettori ma non possedendo il testo del Gruppo Futura-Jackson Libri, e non essendo ricordata nel testo della Piemme la precedente edizione italiana, sono stato tratto in inganno.

L.S.

2 febbraio 2007

Reproduction is allowed on the Web if accompanied by the statement
©  L. Scantamburlo - www.angelismarriti.it
Reproduced by permission.


AVVERTIMENTO SULLA PRIVACY
Questo sito Web contiene cookies analytics per raccogliere informazioni statistiche in forma aggregata ed anonima sulle visite dei visitatori, non utilizza cookies propri di profilazione ma può contenere cookies installati da terze parti. Il lettore/visitatore continuando la visita del sito acconsente all'uso dei cookies. Ulteriori informazioni al link dell'informativa estesa su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie: vedi la voce del menu home page, privacy informativa.

line_footer.gif