< Secretum Omega, caso aperto: doverosa risposta alle accuse di UFORAMA ONLINE, di Luca Scantamburlo


.ine_sx2.gif
Nexus New Times, 2007, UK, nr2
La copertina dell'edizione britannica di
Nexus New Times,
nr. 2, Vol.14, February-March 2007.


line_sx2.gif

Ratlines, by Loftus and Aarons
 
La copertina
dell'edizione italiana di Ratlines,
saggio storico a firma
di J. Loftus e M. Aarons,
Newton&Compton Editori.


line_sx2.gif


I Gesuiti, di Malachi Martin, SugarCo Edizioni


line_sx2.gif


Robert O. Dean, ex Sergente Maggiore statunitense


Una recente foto di Robert O. Dean,
ex Sergente maggiore statunitense ed analista d'intelligence presso lo
SHAPE della NATO.

line_sx2.gif

SECRETUM OMEGA, CASO APERTO:
DOVEROSA RISPOSTA ALLE ACCUSE DI UFORAMA ONLINE




di Luca Scantamburlo



Ringrazio UFORAMA ONLINE (?bollettino ufologico dall?Italia e dal mondo?, pubblicato sul Web) perché le sue recenti news mi danno l?opportunità di fare alcune doverose precisazioni in merito al mio lavoro giornalistico. Il suddetto bollettino ha scelto nel corrente mese (il febbraio 2007) di attaccare gratuitamente il mio lavoro e la mia figura professionale: vedi le due notizie date da UFORAMA ONLINE ed intitolate Nazisti e Gesuiti su Marte per Nexus New Times e Il ritorno del Pianeta X.

  Invece di muovere una critica costruttiva alle delicate e difficili inchieste giornalistiche che negli ultimi mesi ho firmato sul bimestrale UFO Notiziario (diretto dal dr. Roberto Pinotti), e più recentemente anche su Nexus (bimestrale internazionale), UFORAMA ONLINE commenta il mio servizio apparso sul nr. 67 di UFO Notiziario denotando un?apparente ignoranza delle mie argomentazioni sulla vexata quaestio del cosiddetto ?Pianeta X? oggetto dei miei precedenti servizi pubblicati dal 2006 al 2007.

  Inoltre se sulla carta stampata sono ?onnipresente? (così vengo definito dal bollettino) ci sono delle ragioni legate alla mia professionalità ed al mio impegno: ricordo che non solo nel giugno 2006 in qualità di inviato ho interpellato pubblicamente un ex capo di Stato nel corso di una conferenza stampa (sto parlando di Gorbaciov, non del premier delle Isole Samoa, con tutto il dovuto rispetto per quest?ultimo), ma che sono anche regolarmente iscritto dal 4 luglio 2006 all?Ordine dei giornalisti, elenco dei pubblicisti dell?Albo dei Giornalisti del Veneto.

  Riguardo il mio rispetto per la deontologia, nei miei scritti ho sempre fatto capire che il mio è un lavoro di inchiesta in fieri, euristico e nel riferirmi al controverso caso ?Secretum Omega? ho spesso usato il condizionale ed espressioni e termini come ?indirette conferme, presunto, indizi?. Per affermare pubblicamente che si tratta di una ?bufala? (come fa UFORAMA ONLINE), ci vogliono prove e solide argomentazioni, non mere opinioni personali. 

  Veniamo alla mia figura professionale: ci si stupisce se il mio servizio pubblicato dal magazine Nexus, un adattamento di un mio testo originale in inglese, stia uscendo in diversi Paesi del mondo inclusa l?Italia?
  Il titolo è What Is Going On in the Solar System and Is the Planet X Approaching?, ma è stato cambiato dalla redazione centrale australiana (nella versione italiana è Il Jesuit Footage ed il Codice ?Omega Secret?, nella rubrica Twilight Zone). Dapprima l?ho reso pubblico nel dicembre 2006 mettendolo on line a disposizione di tutti sulle pagine in inglese del mio sito personale (www.angelismarriti.it); alla fine dello stesso mese ho poi contattato Duncan M. Roads, direttore della rivista australiana Nexus, dandogli il permesso scritto per una pubblicazione sul suo periodico senza nulla dovermi (leggi gratis).
  Egli, dopo averlo letto ed aver controllato le mie credenziali, mi ha ringraziato via e-mail e mi ha comunicato che forse l?avrebbe inserito già nella prima uscita utile, che è quella attualmente in edicola (tradotto in Italia non da me, ma dalla redazione italiana di Nexus New Times).
  È ridicolo affermare dunque, come fa UFORAMA ONLINE nella notizia intitolata Il ritorno del Pianeta X, che ?la rivista ufficiale del Centro Ufologico Nazionale (CUN) è un tipico esempio di quanto sopra?, dove si fa capire implicitamente (riferendosi ad alcune righe precedenti) che il nr.67 di UFO Notiziario (Febbraio-Marzo 2007) sarebbe caduto nella ?discutibile prassi di alcuni autori di offrire lo stesso articolo a più testate contemporaneamente.?
  Ciò è mendace in quanto il servizio da me pubblicato sul suddetto numero di UFO Notiziario ha un titolo diverso (Dal caso Guardian alle anomalie nel Sistema Solare: il ritorno del Pianeta X?), è lungo 11 pagine (cfr. pagg. 56-66) rispetto alle sole 3 pagine di quello pubblicato sull?edizione italiana di Nexus New Times, nr.66, Febbraio-Marzo 2007 (cfr. pagg. 65-67), ed è molto più articolato ed approfondito dello stesso testo integrale in inglese che Nexus ha adattato.
  Testo, quest?ultimo, che ho scritto direttamente in lingua inglese proprio perché pensato per un pubblico estero.

  Qualunque lettore, confrontando i miei due pezzi giornalistici, non può che prendere atto del fatto che nel nr.67 del bimestrale UFO Notiziario discuto anche di altro (del terrorismo sul suolo statunitense e russo, di Papa Giovanni Paolo II, di militarizzazione dello Spazio, di prassi di divulgazione scientifica e della pericolosa zona del cosiddetto ?Triangolo del Drago? presente nell?Oceano Pacifico (articolo contenuto in un box in giallo, a parte, alle pagg.60-62). Naturalmente non poteva mancare il riferimento alle recenti anomalie del Sistema Solare (discusse in entrambi i miei scritti), che dovrebbero preoccupare maggiormente i climatologi ed i giornalisti scientifici che si occupano di global warming; ed infatti almeno il noto mensile Newton, nel nr.2 del febbraio 2007, è uscito con un servizio a firma di Andrea Giuliacci intitolato La serra interplanetaria).

  Tali anomalie riscontrate nel Sistema Solare sembrano inserirsi drammaticamente, usando un po? di logica e facendo gli opportuni collegamenti, nelle coraggiose e complesse ricerche del freelance Cristoforo Barbato che così sembrano avvalorate almeno indirettamente. Inoltre, forse il responsabile di UFORAMA ONLINE ignora che il periodico cattolico Il Messaggero di sant?Antonio ha recentemente accennato proprio alla presenza di un grande corpo celeste (<<Rimane il fatto che appare quanto meno improbabile che un corpo celeste così piccolo [Plutone] possa provocare le riscontrate irregolarità in pianeti delle dimensioni di Urano e dello stesso Nettuno: diversi studiosi ritengono che in realtà esista un pianeta ancora più lontano [?], di massa superiore a quella di Saturno, e che ancora non si è riusciti a scoprire, essendo alla remota periferia del sistema solare.>>, tratto dall'articolo Plutone declassato a pianeta di serie B, a firma di Francesco Jori, novembre 2006, pag. 79, Messaggero di sant?Antonio).

  È il responsabile del bollettino UFORAMA ONLINE (o il suo articolista) che caso mai dovrebbe essere in grado di smontare, punto per punto, le mie argomentazioni e le mie ricerche che durano da più di un anno e che mi costano un faticoso lavoro di studio, di corrispondenze con l?estero, e di controllo incrociato di fonti, testimonianze e documenti. Mi si dimostri che l?osservatorio astronomico di classe mondiale denominato VATT (Vatican Advanced Technology Telescope) ed ubicato in Arizona non esiste, o che il defunto padre Gesuita Malachi Martin non ha mai lavorato al Vaticano decenni addietro e che non ha mai fatto alcuna inquietante affermazione all?Art Bell Show (aprile 1997) ed inerente un qualcosa in avvicinamento alla Terra, o che il saggio storico Ratlines di J. Loftus e M. Aarons non esiste e non è mai stato pubblicato, o che al Museo di Stato di Berlino non c?è un reperto archeologico mesopotamico catalogato VA/243 che attesta una sconcertante conoscenza astronomica degli antichi.

  Mi si dimostri che la NATO non ha un livello di classificazione di segretezza denominato ?Cosmic Top Secret? (cosa che ho invece, informativa pubblica alla mano, dimostrata vera), o che il ?Jesuit Footage? di Barbato non è mai stato mostrato pubblicamente.
  Mi si dimostri che l?ex Sergente Maggiore dello U.S. Army Robert Dean (che lavorò allo SHAPE in Europa), non è mai stato intervistato a Montesilvano dalla emittente televisiva abruzzese TeleMax, nell?aprile 2001 (un servizio che per quanto ne so non è mai andato in onda, purtroppo).
  Mi si dimostri che uno spezzone di tale servizio non è mai stato mostrato da Cristoforo Barbato durante i suoi interventi presso i convegni ai quali è stato invitato in qualità di relatore (spezzone in suo possesso per gentile concessione dell?inviata televisiva di allora).
  Mi si dimostri che il citato sottufficiale americano in riserva non abbia mai parlato in quella occasione di future rivelazioni da parte del Vaticano sulla tematica extraterrestre.
  UFORAMA ONLINE ne è capace?

  Sono certo che i lettori intelligenti e navigati trarranno da questa mia lettera aperta le dovute conclusioni.

 Per quanto concerne le accuse di ?ipotesi inverosimili?, ?bufala? ed ?inconsistente caso? mosse da UFORAMA ONLINE al ?Jesuit Footage? classificato ?Secretum Omega?, sollevato con professionalità da Cristoforo Barbato, tali accuse sono tutte da dimostrare.

  Il caso, controverso quanto si vuole, resta dunque aperto; così come la vexata quaestio del ?Pianeta X? alla quale è legato.

Dr. Luca Scantamburlo
26 febbraio 2007



Il testo di questa lettera aperta è liberamente riproducibile (anche su riviste e quotidiani) se non alterato e se seguito dalla dicitura: © L. Scantamburlo, 2007.


Reproduction is allowed on the Web if accompanied by the statement
©  L. Scantamburlo - www.angelismarriti.it
Reproduced by permission.

AVVERTIMENTO SULLA PRIVACY
Questo sito Web contiene cookies analytics per raccogliere informazioni statistiche in forma aggregata ed anonima sulle visite dei visitatori, non utilizza cookies propri di profilazione ma può contenere cookies installati da terze parti. Il lettore/visitatore continuando la visita del sito acconsente all'uso dei cookies. Ulteriori informazioni al link dell'informativa estesa su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie: vedi la voce del menu home page, privacy informativa.

line_footer.gif